Regione Veneto
Veneto Lavoro

venerdì, 20 settembre 2019


L'ingresso degli stranieri in Italia

Occorre in primo luogo distinguere tra cittadini comunitari – già legittimati all’ingresso in Italia e allo svolgimento del lavoro subordinato domestico in quanto comunitari (compresi i Romeni e i Bulgari) e cittadini non comunitari (qui di seguito chiamati anche stranieri), che possono già essere regolarmente presenti in Italia con un titolo di soggiorno che abilita al lavoro subordinato domestico (si consulti in tale caso la sezione Contratto di soggiorno) oppure all’estero in attesa di entrare in Italia per lavoro.

Il cittadino straniero che è interessato a soggiornare a lungo nel nostro Paese per motivi di lavoro deve possedere al momento dell’ingresso in Italia un visto per motivi di lavoro a seguito del rilascio del nulla osta al lavoro da parte dello Sportello unico competente.

Il titolare di un permesso di soggiorno per lavoro stagionale può svolgere attività di lavoro subordinato a tempo indeterminato solo in caso di conversione del permesso in occasione di un “decreto flussi”.

Copyright 2004-2010 Veneto Lavoro - P.IVA/C.F. 03180130274